HORIZONTE

(Oltre il visibile)

In natura esiste una linea immaginaria e mobile che segna il confine tra visibile e invisibile, rumore e silenzio, terra e universo: è la linea dell’orizzonte dove l’infinito e l’eternità collidono, dove si può percepire l’immensità toccando con lo sguardo il vuoto. In Horizonte (oltre il visibile) quel confine è reso più permeabile dalle due figure che, ora come ombre ora in carne ed ossa, li risiedono. Come sfogliando un atlante favoloso le scene si susseguono a quadri: ogni pagina è popolata da figure magiche e ancestrali che si muovono legate a oggetti che sono protuberanze dei corpi stessi. Il cerchio e la ruota sono simboli che tornano richiamando un immaginario che, tra arti visive e performative, tiene traccia del passato artistico del Duo Kaos. Il linguaggio e le tecniche del circo rendono ancora più onirica la danza lasciando che i corpi, sospesi in un buio primordiale, galleggino nell’aria. E si cade così come in un sogno dove le pietre diventano satelliti e i corpi, uniti, misteriose figure mitologiche che si muovono tra terra e cielo, tra anima e corpo.

Di DUO KAOS

con Giulia Arcangeli, Luis Paredes Sapper
consulenza artistica e drammaturgica Giacomo Costantini
luci Lucio Diana
costumi Stefania Cempini
musiche Guglielmo Diana

coordinamento area palcoscenico Roberto Bivona
responsabile allestimento tecnico Mauro Marasà
fonico Jacopo Pace
programmatori luci Franco Mastropasqua, Michele Stura
elettricista Roberto Cammarata
macchinista Leonardo Buschi
modellistica e confezione costumi Raela Cipi
direttore di produzione Marta Morico
organizzazione e produzione Emanuele Belfiore, Alessia Ercoli
assistente di produzione Claudia Meloncelli
responsabile comunicazione e ufficio stampa Beatrice Giongo
promozione Benedetta Morico
comunicazione e webmaster Fabio Leone
grafica e social Lara Virgulti

produzione MARCHE TEATRO / Duo Kaos

.